LAVANDA

lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
FAMIGLIA : Lamiacee

lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
E’ una pianta aromatica sempreverde con una base legnosa  senza foglie da cui si sviluppano numerosi fusti erbacei. Le foglie sono opposte,lineari e lanceolate di colore grigio verde.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
L’infiorescenza che sboccia tra giugno e luglio è posta al termine del fusto, talvolta si hanno delle infiorescenze laterali inserite nell’ascella delle ultime foglie.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
I fiori sono riuniti a formare una spiga, possono essere bianchi, rosa viola o lilla a seconda della varietà, e sono fortemente profumati. Il frutto è dato da quattro acheni allungati posti alla base del calice persistente.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
Viene coltivata principalmente per la sua essenza. I fiori si raccolgono all’inizio della fioritura, recidendoli alla base, e si conservano in recipienti di vetro, previa essicazione effettuata al riparo dal sole e in ambiente ventilato.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
Esistono diverse specie di lavanda; le più importanti sono la  L. angustifolia e la L. latifolia, che sono entrambe ricche di oli essenziali.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
La prima viene usata in aromaterapia, in cucina  e nei profumi, la seconda più canforata viene usata nei prodotti detergenti, come insettifugo e come medicamento per le scottature.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
La L. x intermedia (o lavandino) è un ibrido ottenuto dall’incrocio delle due precedenti, è preferita nell’industria profumiera ma non è indicato a scopo terapeutico.

lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
Habitat: Cresce nei terreni aridi o rocciosi. E’ abbondantemente coltivata.
I fiori sono utilizzati sia per uso alimentare, tisane, infusi, biscotti, sia che cosmetico,per bagni rilassanti, per profumare la biancheria,etc.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
N.d.a. In azienda si possono trovare fiori secchi per tisane, sacchetti profumati per cassetti ed armadi, fusi. I nostri prodotti
N.d.a.Storicamente , questo era il fiore prediletto insieme alle rose da spargere sui pavimenti per conferire profumo e bellezza a una stanza in cui si ricevevano ospiti di riguardo.
Secondo la leggenda cristiana, quest'erba in origine non aveva nessun aroma. Poi Maria asciugò le vesti di Gesù bambino su un cespuglio di lavanda e da allora ha assunto la piacevole fragranza che conosciamo.
Mettete la lavanda sotto il cuscino formulando un desiderio. Se lo sognate è segno che si avvererà.
lavanda pianta aromatica e officinale nel giardino visitabile della fattoria didattica dell ortica a Savigno Valsamoggia Bologna vicino Zocca nell Appennino
N.d.a. Fondamentale è raccogliere erbe, bacche  e fiori solo in posti non inquinati e dove non vengono usati prodotti chimici di qualunque tipo. Non tutte le erbe selvatiche sono commestibili, se non siete certi del riconoscimento non raccoglietele.

Commenti