COLIAS CROCEA

flora spontanea e fauna selvatica dittamo lavanda  rose erbe officinali galatina di tarassaco confetture sali aromatici ghirlande oleoliti
flora spontanea e fauna selvatica dittamo lavanda  rose erbe officinali galatina di tarassaco confetture sali aromatici ghirlande oleoliti
SPECIE: COLIAS CROCEA
ORDINE : Lepidotteri
FAMIGLIA : Pieridae
flora spontanea e fauna selvatica dittamo lavanda  rose erbe officinali galatina di tarassaco confetture sali aromatici ghirlande oleoliti
Farfalla dal volo veloce, che di rado apre le ali a riposo. Le ali sia del maschio che della femmina hanno la parte anteriore giallo oro con una macchia nera sull’ala superiore e un ampio bordo nero, nella femmina ci sono (dentro al bordo nero) delle macchie chiare.
flora spontanea e fauna selvatica dittamo lavanda  rose erbe officinali galatina di tarassaco confetture sali aromatici ghirlande oleoliti
Molto simile alla farfalla del fieno la si distingue perché il bordo della Colias crocea è più largo. Il rovescio delle ali è giallo sfumato di verde con macchie nere in quelle superiori e una macchia chiara bordata di rosso in quelle posteriori. Alcune femmine potrebbero mostrare una colorazione più chiara, meno gialla.
flora spontanea e fauna selvatica dittamo lavanda  rose erbe officinali galatina di tarassaco confetture sali aromatici ghirlande oleoliti
La lunghezza dell’ala anteriore è di circa 25 mm. Sfarfalla generalmente ad  Aprile-Maggio, Giugno-Luglio ed Agosto-Settembre. È una farfalla migratrice dal Nord Africa alla Scandinavia. Le uova vengono deposte singolarmente, una femmina ne può deporre fino a 600. Trascorre l’inverno come bruco; da giovani sono giallo verdi con la testa nera per trasformarsi verdi scuro con una linea laterale bianca con delle macchie rosse.
flora spontanea e fauna selvatica dittamo lavanda  rose erbe officinali galatina di tarassaco confetture sali aromatici ghirlande oleoliti
Habitat: La si trova nei più svariati ambienti; campi di trifoglio, erba medica o in luoghi ricchi di fiori. Le piante nutrici per i bruchi sono il trifoglio, l’erba medica, la veccia e altre leguminose.

Commenti