PIANTAGGINE

erbe bologna rose savigno ortica valsamoggia orto zocca fattoria didattica
 erbe bologna rose savigno ortica valsamoggia orto zocca fattoria didattica
SPECIE: PIANTAGGINE Plantago maior
FAMIGLIA : Plantaginaceae
Pianta erbacea perenne con un corto rizoma e tante radichette sottili. Le foglie disposte a rosetta sono ovali, ampie, alla base si restringono in un picciolo più o meno piatto e le nervature partono dal picciolo, poi divergono mantenendosi circa parallele al margine e si riuniscono assieme all’apice. L’infiorescenza è un a spiga composta da numerosi fiori e dal tubo della corolla spuntano gli stami provvisti di grosse antere. Il frutto è una capsula oblunga che contiene i semi.
erbe bologna rose savigno ortica valsamoggia orto zocca fattoria didattica
Habitat: Cresce ovunque, dal mare alla montagna, nei prati, nei campi, nei fossi e in tutti i luoghi erbosi.
Negli stessi posti crescono anche le altre due specie; la plantago media e quella minore. Quella media o pelosa, è praticamente uguale alla maggiore.Fiorisce da maggio a luglio. La minore o Lanceolata ha le foglie più strette e lunghe di un color verde brillante e i fiori riuniti in spighe più corte che fioriscono da aprile a settembre.
erbe bologna rose savigno ortica valsamoggia orto zocca fattoria didattica
Tutte e tre hanno le stesse caratteristiche: le giovani foglie centrali della rosetta basale sono ottime, sempre mischiate ad altre erbe, crude come insalata verde, per preparare squisiti minestroni e ripieni di torte salate, oppure cotte e condite come gli spinaci.
N.d.a. E’ molto importante riconoscere questa pianta perché se si viene punti da un insetto basta prendere una di queste foglie, spezzettarla, io la mastico, e metterla sulla puntura. E’ ottima perfino per le punture di calabroni ed è sempre a portata di mano.
erbe bologna rose savigno ortica valsamoggia orto zocca fattoria didattica
N.d.a. Fondamentale è raccogliere erbe e fiori solo in posti non inquinati e dove non vengono usati prodotti chimici di qualunque tipo. Non tutte le erbe selvatiche sono commestibili, se non siete certi del riconoscimento non raccoglietele.

Commenti