GLI OLEOLITI

Oleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
L’Oleolito di Iperico probabilmente è il più conosciuto, ne esistono però tantissimi tutti con proprietà diverse. Noi (Azienda agricola dell'Ortica a Savigno, Valsamoggia, Bologna, in Appennino vicino Zocca) produciamo il già citato Oleolito di Iperico, l’Oleolito di Lavanda, l’Oleolito di Lavandino, l’Oleolito di Cipresso, l’Oleolito di Salvia, l’Oleolito di rosmarino e ultimi arrivati l’Oleolito di Rosa e l’Oleolito di Elicriso. Iniziammo a farli perché, avendo in casa un naturopata e una personal trainer che li utilizzavano nel loro lavoro, ci chiesero di produrli così sarebbero stati certi della provenienza delle materie prime. Ovviamente facendoli ci siamo avvicinati a questo mondo e soprattutto a provarli. Adesso non viviamo più senza. Addirittura l’anno scorso, quando si poteva ancora viaggiare, siamo andati a fare una settimana in Mar Rosso a febbraio e ci siamo portati il set completo. Risultato? L’unico che non abbiamo usato è stato l’Oleolito di Iperico perché la pelle trattata con gli altri oli in maniera preventiva non si è scottata…. una settimana di pinne dopo anni che non le usavamo e nemmeno un crampo…. tornati a casa dopo l’aereo e l’aria condizionata la pelle era perfetta….  neanche un segno dei pizzichi degli insetti…  Non ci sto più senza.
Un’Oleolito è un olio in cui si è fatto macerare fiori, foglie o bacche. L’olio, il tempo di macerazione, il seguire le fasi lunari e tanti altri fattori variano a seconda delle scelte che fa chi lo produce. Noi utilizziamo l’olio evo bio italiano, le piante sono ESCLUSIVAMENTE di nostra produzione, le tempistiche sono lunghissime, ovviamente seguiamo le fasi lunari e le costellazioni…. Un lavoro brigoso ma i risultati ci confermano che ne vale la pena.
i nostri prodotti sono Oleoliti, gelatina di tarassaco, confetture di petali di rosa, sali aromatizzati al timo, all'issopo, alla maggiorana, ajon, insaporitori, confetture di amarena, confetture di melone, confetture di lampone, confetture di ribes rosso, confetture di ribes nero e bianco, confettura di uva spina, ghirlande, lavanda, fusi di lavanda e altro...
Il primo che presento è una delle due novità: l’Oleolito di Rosa
Qui uniamo le caratteristiche dell’olio di rosa Canina e della Damascena, La rosa Canina contiene acido linoleico e alfalinoleico, precursori di Omega6 e Omega3,  oltre a antiossidanti, vitamina E, vitamina C, vitamina D e beta_carotene che aiuta a proteggere la pelle dall’azione nociva dei radicali liberi. La rosa Damascena è indicata per ridurre ansia, irritabilità, indicata per pelli sensibili oltre a fornire un leggero profumo. Tonico, riequilibrante della pelle, dell’umore, idratante, l’Oleolito di Rosa aiuta nel ridare tonicità a tutti i tessuti delicati, rivitalizza la pelle stanca e spenta. Io lo utilizzo per il decolté e per il viso quotidianamente. Coadiuvante nel trattamento di smagliature e  cicatrici, ammorbidendole così che risultino meno evidenti. Aiuta i processi rigenerativi dell’epidermide donando elasticità e morbidezza, riduce le macchie cutanee  e rallenta il processo di invecchiamento cutaneo donando un aspetto più sano.
Oleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
Oleolito di Lavanda e di Lavandino
La Lavanda la conosciamo tutti, il Lavandino è l’ibrido commerciale della Lavanda creato perché produce più olio essenziale, buffo a dirsi quasi tutti pensano che sia la lavanda vera, basta annusarlo, se è canforato è Lavandino. Niente di male se non che ai bambini sotto i quattro anni può causare problemi. Per questo motivo teniamo i due tipi di Lavanda separati. Vengono utilizzati per eliminare le irritazioni e il prurito della pelle dai pizzichi di insetto alle mascherine, molto in voga di questi tempi. Ha un effetto rilassante e distensivo massaggiato sulle tempie o nei polsi. Parecchi nostri clienti lo utilizzano come dopobarba. Lo si può usare per struccarsi oppure per irritazioni da sfregamento, meglio il lavandino che è canforato, per gli sportivi. Lo si può usare anche per problemi con il cuoio capelluto; forfora, pruriti e piccole croste, da massaggiare un’oretta prima dello shampoo.
Oleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
Oleolito di Salvia
Quello che ho avuto più difficoltà ad iniziare ad usare: l’odore di salvia , almeno all’applicazione poi svanisce, era fortissimo e a me sembrava di essere una pentola di canellini (i fagioli)….. poi visto il risultato sulla pelle ho imparato a soprassedere ed adesso non lo noto nemmeno più. Dopo poco l’applicazione non lo sente più nessuno.. Dopodoccia, doposole e dopobagno, lascia una pelle favolosa, setosa, morbida, idratata. Si assorbe completamente, non unge e persiste il suo effetto nel tempo. Mi ha permesso di mettermi a Febbraio, bianca come un verme, al sole e non scottarmi per niente (ovviamente non stavo al sole da mezzogiorno alle due!!!).
Oleolito di Rosmarino
Ha risolto il problema dei crampi notturni a chiunque lo ha provato. Peccato che non si possa sciare, c’era chi non partiva per la settimana bianca senza!! Noi ci ha salvato le gambe dopo giornate in mare con le pinne… Tutte le contratture muscolari ne possono trarre giovamento compreso la cervicale. Sia ben chiaro, non sono medicine perciò non curano ma aiutano tanto.  C’è anche chi lo usa per stimolare il cuoio capelluto per rinforzare i capelli.
Oleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
Oleolito di Cipresso
Lui si occupa del sangue perciò circolazione, gambe gonfie, capillari rotti, ematomi , lividi…. Alleggerisce molto il problema della couperose del viso. Una nostra cliente ha dovuto subire un’operazione chirurgica ed ha eliminato così il problema dei lividi lasciati dalle flebo…. Più clienti ci hanno confermato che aiuta molto con le emorroidi….
 

Ai mercati di Savigno, bazzano, monteveglio, alle fiere e sagre di zocca, montese, crespellano o on-line www.dellorticashop.itOleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
Oleolito di Elicriso
Questo lo abbiamo fatto a grande richiesta,è un ottimo antistaminico naturale, utile per tutti i tipi di allergie ma attivo soprattutto sulle dermatiti allergiche e da contatto. Per cui eczemi, herpes, irritazioni della pelle, eritemi solari, geloni, dermatiti e psoriasi. Può lavorare anche in sinergia con l’Iperico nei trattamenti di scottature. Il profumo ricorda molto la liquerizia o il curry. Come l’Oleolito di lavanda sto trovando molti proprietari di cani che lo comperano per i loro protetti: allontanamento insetti e pelli stressate, irritate o pizzichi.
Oleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
L’ultimo che presento è quello di Iperico.
Il suoi utilizzi principali sono: per le scottature, quelle provocate dal sole ma anche quelle che ci si fa toccando una padella lasciata sul fuoco a bruciare….. cosa di cui io sono esperta…. Lo si usa anche per far cicatrizzare le piccole escoriazioni, graffi  o anche le ragadi; quei piccoli taglietti che si formano sulle dita. Lo si usa contro l’acne giovanile, sia nelle femmine che per i ragazzi. Attualmente sta trovando diffusione negli uomini con la barba, migliora la barba e la pelle sottostante nonostante l’utilizzo della mascherina.
Oleolito di rosa, oleolito di lavanda, oleolito di lavandino, oleolito di rosmarino, oleolito di salvia, oleolito di cipresso, oleolito di elicriso, oleolito di iperico.
Queste sono le caratteristiche principali, possono essere usati da soli o in sinergia. L’unico fattore importante è non esporsi al sole subito dopo esserseli spalmati. E ricordarsi sempre che sono erbe, non fanno miracoli, anche se talvolta sembra di si…..


Commenti