BIANCOSPINO

rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
SPECIE: BIANCOSPINO Crataegus monogyna, crataegus oxyacantha
FAMIGLIA : Rosaceae
rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
E’ un arbusto che può diventare un piccolo albero anche alto 5 metri, molto ramificato e spinoso. Le foglie sono ovali, profondamente incise con il margine intero. I fiori sono riuniti in mazzetti, bianchi con cinque petali e antere rosse. Profumano intensamente. Talvolta anche troppo, al punto di diventare quasi nauseanti….
rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
I falsi frutti sono ovali di color rosso bruno contenenti uno o due noccioli. Il sapore è dolciastro di consistenza farinoso. La corteccia è grigia giallastra che invecchiando diventa scura. Fiorisce in marzo- aprile ed i frutti sono pronti a settembre. Ovviamente in inverno perde tutte le foglie.
rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
Habitat: Lo si trova spontaneo nei boschi, nelle macchie, lungo le strade. Spesso viene usato per formare le siepi diventando impenetrabile. Ne sono state create molte varietà ornamentali a fiori doppi e variamente colorati.
rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
Per i Celti il biancospino era l’albero di Maggio e rappresentava la purezza della nuova vita. Per i Cristiani di biancospino era fatta la corona di spine di  Cristo e la pianta di Glastonbury legata da una leggenda a Giuseppe di Arimatea era sempre un biancospino. I primi pagani lo usavano nei festeggiamenti di Calendimaggio. Per i Greci e i Romani simboleggiava fertilità e matrimonio, mentre nel linguaggio floreale rappresentava la speranza. Una sua virtù segreta è quella di dissolvere i blocchi energetici ed emozionali; le sue vibrazioni sottili possono donare l’energia equilibratrice e vivificante della vita.
rose erbe officinali lavanda flora spontanea piccoli frutti ribes more lamponi uvaspina fragole pomodori bosco in appennino vicino Zocca Modena Bologna
N.d.a. Fondamentale è raccogliere erbe e fiori solo in posti non inquinati e dove non vengono usati prodotti chimici di qualunque tipo. Evitate frutteti e vigneti. Non tutte le erbe selvatiche sono commestibili, se non siete certi del riconoscimento non raccoglietele.

Commenti